Google+ La Natura che ci circonda: Ospite inatteso

domenica 10 dicembre 2017

Ospite inatteso

Il bello di un agriturismo in campagna è la possibilità di stare a contatto con la natura, animali compresi; meno bello è quando, controllando che nella struttura sia tutto a posto, si trova un pezzo di quella natura all'interno. Ben inteso, se andando in un agriturismo mi trovassi qualche bestiolina davanti, non mi scandalizzerei più di tanto, sapendo come funziona la vita in campagna, anzi, mi farebbe anche piacere, ma so bene che non tutti gli avventori la pensano come me. Per questo motivo, quando mio padre mi ha detto di aver trovato un "aspidello" (termine che usa, non ho capito perché, per identificare la biscia dal collare, tutt'altro animale) di una ventina di centimetri in una delle camere e non essere riuscito a farlo uscire, ho capito che era il caso di intervenire rapidamente, sia per il serpente, sia per gli eventuali avventori. 
Già immaginavo cosa avrei trovato, ovvero un giovane biacco inferocito, che pensava di aver trovato un buon riparo per l'inverno. Così è stato. Ieri sono andata a cercare nella camera con un conoscente e lo abbiamo trovato ben nascosto in un angolo. Prenderlo non è stato possibile, perché il disgraziato, che appena disturbato ha fatto capire di non voler essere importunato, si era infilato mezzo dentro e mezzo fuori da un pozzetto elettrico. 


Dopo aver tentato invano di prenderlo, con una discreta paura di fargli male, abbiamo rinunciato per ritentare stamattina, sperando che si spostasse in qualche punto meglio raggiungibile.
Oggi l'ho trovato nel bagno, perfettamente allo scoperto, così sono riuscita a prenderlo immediatamente  (e lui mi ha ricambiata con un bel morso, ma essendo così piccolo nemmeno si sente). Ci tengo a precisare che il biacco è aggressivo se disturbato, ma assolutamente non velenoso.


Bellissimo, vero? 
Comunque, l'ho messo in un cestino della carta per trasportarlo e assicurarmi che stesse bene e poi sono andata alla ricerca di un punto idoneo per liberarlo. 


Pur non avendo gradito molto il mio intervento, devo dire che ha invece apprezzato la nuova casa scelta per lui. Spero che riesca a diventare un grosso biacco nero, divoratore di piccoli mammiferi, anfibi, sauri e altri serpenti (mangia anche le vipere, lo sapevate?), ma che d'ora in poi stia lontano dall'agriturismo.
Dove l'ho liberato? 
Sotto un bell'ulivo, cercato e scelto fra tanti per le piccole cavità presenti, che possa fornirgli  (almeno spero) un buon riparo dai predatori e un rifugio per il letargo invernale. 




14 commenti:

  1. Risposte
    1. Ciao Patricia, grazie per essere passata comunque, nonostante il serpentello 😂😂😂😂

      Elimina
  2. Bellissimo gesto (io non lo toccherei manco se scende la Madonna), ottimo averlo liberato in un posto idoneo :)
    Ora che scoppieranno le radiazioni e diventerà tipo tartaruga ninja, questo aspidello tornerà a trovarti per ringraziarti XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moz, guarda che al tatto sono "bellerrimi". Io avrei evitato anche di toccarlo, potendo, ma piuttosto per le mani fredde.
      Se viene a trovarmi per ringraziarmi nulla da dire, se invece di fosse risentito dei tentativi di sollevamento e trasferimento nei cestino con il bastoncino...ehm...

      Elimina
  3. Interessante...devi proprio amarli questi rettili...a me piacciono, ma li preferisco nei documentari in tv. In natura mi fermo ad osservarli ma non li tocco, ho paura che mi possano mordere, com'è accaduto! L'avrei preso con qualche attrezzo, probabilmente una retina!!
    Bel post ^_^
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Le Ghirlande,
      A dire il vero ho tentato prima di prenderlo con un cestino, ma senza troppa fortuna, quindi alla fine oggi ho optato per le mani. Certo, se fosse stato adulto mi sarei guardata di più, ma quando sono piccoli così non fanno nulla.
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Sono strano io se dico che invece trovo questo biacco splendido? ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick, proprio a me lo chiedi? Ho fatto una fatica per prenderlo senza fargli male... spero che ora sia in letargo in un bel riparo 😊
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ciao Sinforosa,
      Troppo bello? 😂😂😂

      Elimina
  6. ... a me è capitato quest'estate...
    ... un "saettone" non so come era in bagno addirittura al piano superiore...
    ... armato di guanti, che ha immediatamente morso, sono riuscito a prenderlo e lasciarlo nel vicino bosco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao semola,
      Mai visto un Saettone, ma so che in quanto ad aggressività non è da meno al biacco. Bel lavoro!
      Io i guanti li avrei dovuti usare più che altro per lui, perché avevo le mani freddissime, ma ne ero sprovvista.
      Buona giornata ☺

      Elimina
  7. Che carino!
    Io non so distinguere i serpenti per questo avrei sempre un po' paura di incappare in qualcuno velenoso.. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Niu,
      Se non si sanno riconoscere è sempre meglio andare con attenzione, anche se in linea di massima è sempre bene maneggiarli il meno possibile.
      Buona giornata 😊

      Elimina

Se volete lasciatemi un segno del vostro passaggio: una vostra impressione, un saluto, una critica. Sarà tutto ben accetto e mi aiuterà a crescere ed andare avanti.